Dry Wall System: informazioni sul processo di deumidificazione

Pubblicato il da Emma Fiorentino

Taglio meccanico del perimetro murario, iniezioni di liquidi anti risalita, di prodotti solidificanti anti risalita, posa in opera di intonaci osmotici o macroporosi, sono alcuni degli interventi che è possibile tentare per risolvere i problemi di umidità delle abitazioni.

Altri sistemi contro l'umidità

Altri interventi, meno invasivi, sono gli impianti elettrosmotici o i sistemi elettrofisici a onde magnetiche.

La Elettrosmosi F.P. Partners assicura la soluzione definitiva del problema mediante la realizzazione di impianti elettrosmotici.

All'attivo aziendale molti interventi sia su edifici pubblici che privati.

Restauro News, ditta che si occupa di "conservazione beni monumentali e artistici", offre K3000 un apparecchio con funzionamento magneto-induttivo a tecnologia non invasiva perché fissato esternamente alla muratura, che promette risultati duraturi nel tempo.

Un singolo apparecchio KAPPA3000 agisce con un raggio di 10/12 ml a 360°. Necessaria una seria diagnosi preventiva a cura della Restauro New.

Oltre 200 chiese, palazzi comunali, scuole hanno in funzione tale dispositivo.

La "facciata continua" o "curtain wall" altro non è che un involucro protettivo che preserva gli edifici dalle infiltrazioni di aria e acqua dovute alle vicende meteorologiche.

Certamente la curtain wall non è adatta a risolvere i problemi di risalita capillare dell'umidità.

Dry Wall System

Dry Wall System srl è un'azienda di Nettuno (Roma) che si occupa di risanare pareti interessate da problemi di umidità da risalita capillare.

Nelle vecchie costruzioni le fondamenta e i muri perimetrali venivano realizzati con pietre di diversa natura e consistenza tra le quali una certa quantità era costituita da pietre porose quali il tufo. Spesso poi le case venivano realizzate su un basamento naturale di arenaria per renderle più solide e meno soggette a franosità del terreni.

DWS provvede a deumidificare strutture nate in tali condizioni mediante una barriera chimica iniettata direttamente nel muro. I fori praticati sono modesti poiché la pompa che spinge il materiale nella muratura è molto potente e le resine auto espandenti. Dopo ripetuti inietti la struttura muraria verrebbe modificata quanto a capacità di assorbimento capillare dell'acqua presente nel sottosuolo. DWS produce sia i prodotti chimici (DWS 1000, marchio registrato) che i macchinari necessari ad applicarli rendendo l'intervento definitivo.

Possibile accedere a preventivi online.

Sempre con barriera chimica e modalità simili opera la Dry Wall System, altra azienda di Nettuno.

Apparecchi di ventilazione più o meno forzata, oltre a numerose tipologie di deumidificatori, (a condensazione, ad assorbimento, a microonde), completano il quadro dei possibili interventi.

Ammuffire

Commenta il post

paolo 06/28/2012 07:50

i sistemi per risolvere l'umidita'di capillarita'sono molteplici,ma tanti non hanno nessun fondamento scientifico e come si nota,li dove sono stati applicati non hanno dato risultati. la scelta tra
un sistema o un'altro non e'equivalente come risultato finale. la risoluzione dell'umidita'e'ancora un'argomento da professionisti e non c'e'posto per gli affaristi che si improvvisano,i quali
guadagneranno pure ma....scontenteranno i loro clienti......